Skip to main content

Quante volte in farmacia entra qualcuno che chiede un rimedio per la cistite…ma esistono solo gli antibiotici o ci sono altre terapie altrettanto valide o che si possono abbinare?

La cistite è una patologia infiammatoria, sostenuta prevalentemente da germi gram-negativi.

E’ caratterizzata da pollachiuria, bruciori minzionali, minzione continua e talora perdite di sangue.

Esistono forme recidivanti di cistite, dovute a volte da malformazioni a carico delle vie urinarie.

Nelle cistiti ricorrenti è anche utile eliminare fattori favorenti come la stipsi; quindi di norma è da favorire una dieta ricca di cereali, verdura, frutta e fibre.

Importante è anche un buon apporto idrico per mantenere un adeguato flusso urinario e un regolare transito intestinale.

Soprattutto con i casi di recidiva è importante una terapia alternativa da abbinare, vediamo quale:

FITOTERAPIA:

Mirtillo Rosso o Cranberry succo puro, bustine o capsule; importante soprattutto nelle forme recidive, da assumere la sera prima di coricarsi.

Uva ursina: viene utilizzata solitamente in forma di TINTURA MADRE (40 gtt diluite in acqua) 3 volte al dì.

Altre piante:

GRAMIGNA, PILOSELLA, MALVA, SOLIDAGO VIRGA, ORTHOSIPHON, ONONIDE e ZEA MAIS ( tutte piante dalle proprietà DIURETICHE, DISINFIAMMANTI e SEDATIVE).

GEMMOTERAPIA:

Vaccinum vitis idaea MG 50 gtt in acqua

Juniperus communis MG 50 gtt in acqua

Populus Nigra MG 50 gtt in acqua

OMEOPATIA:

Cantharis 9 CH 5 granuli ogni 2-3 ore diradando col migliorare dei sintomi.

Per la cistite acuta con dolore bruciante e lancinante con stimoli frequenti e urgenti alla minzione.

Equisethum 5 CH 5 granuli 3-4 volte al dì

Per senso di pesantezza e pienezza, che non è alleviato dalla minzione.

Staphysagria 9 CH 5 granuli 2-3 volte al dì

Per cistite traumatica o psicosomatica.